Esistono, a livello globale, 100 milioni di hotspot pubblici e commerciali per accedere a Internet e si prevede che nel 2018 toccheranno i 340 milioni. Secondo quanto riporta iPass, il più esteso network commerciale di hotspot nel mondo, negli ultimi 3 anni questo numero è aumentato del 568%.



A questa crescita vertiginosa degli hotspot pubblici/commerciali però, non si può non considerare il pericolo che questi dispositivi possono generare dal punto di vista della cyber sicurezza, mettendo a rischio i dati personali del singolo utente e molto altro ancora.

In Italia il Wi-Fi pubblico non è mai davvero decollato. Rispetto al 2013 abbiamo avuto una crescita in dispositivi hotspot pubblici del 33% e, al momento, sono registrati 61,103 hotspot commerciali. L’unico risultato positivo in questo campo lo abbiamo ottenuto nel settore alberghiero, difatti, siamo al sesto posto (con 15.044 hotspot nelle nostre strutture ricettive) nella top ten dei Paesi con gli alberghi più connessi. 

 quali sono quindi i pericoli in cui possiamo incorrere utilizzando il Wi-Fi pubblico?! Innanzitutto, dal momento che gli hotspot wi-fi non sono protetti da password, gli hacker sono sempre in agguato e potrebbero facilmente penetrare nei dispositivi utilizzati per connettersi, appropriandosi di dati personali, dati finanziari, foto etc.

Allo stesso modo, un altro mezzo di attacco è la creazione di ‘hotspot spoof’ cioè falsi hotspot per ingannare gli utenti che si collegano. Una volta effettuata la connessione su questi dispositivi falsi, i propri dati personali sono facilmente nelle mani degli hacker.
I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti inserite il vostro nome o la modalità anonimo.

Posta un commento

 
Top